Sintassi della Frase



LA FRASE: STRUTTURA E PROPRIETÀ

Cos'è una frase?

Una frase è un gruppo di due o più parole aventi un senso compiuto e collegate da regole grammaticali. Nella forma più semplice, la frase è composta da almeno due parole: ciò di cui si parla e che cosa se ne dice. Esempi: Io leggo, Maria dorme, il cane abbaia. Io, Maria, il cane rappresentano il Soggetto , mentre leggo, dorme, abbaia indicano l'azione espressa dal soggetto e rappresentano il Predicato.
In esempi come Luigi è contento, Luca fu puntuale, le voci verbali è e fu non bastano da sole a esprimere un senso compiuto. Esse svolgono pertanto la funzione di copula , cioè uniscono il soggetto alla parte nominale, nome o aggettivo che sia.

Analogamente in esempi quali Luca sembra soddisfatto oppure Luca diventò sindaco, i verbi sembrare e diventare appartengono alla categoria dei verbi copulativi : quei verbi, cioè, che necessitano di una parte nominale (soddisfatto, sindaco) perchè la frase abbia un senso compiuto.

Was ist ein Satz?

Ein Satz ist eine Gruppe von Wörtern die durch grammatische Regeln und kommunikative Bedeutung verbunden sind. Ein Satz besteht mindestens aus zwei Teilen: das Thema worüber man spricht, was wird darüber gesagt. Die Grundform des Satzes bestehet aus Subjekt und Prädikat:
Beispiele: Ich lese, Marie schläft, der Hund bellt. Ich, Marie, der Hund heißen Subjekte ; lese, schläft, bellt heißen Prädikate .
In Beispielen, wie z.B.Luigi è contento, Luca fu puntuale, die Verbalformen è und fu würden keinen vollen Sinne ausdrücken wenn sie nicht von contento und puntuale gefolgt wären. Sie spielen die Rolle der Kopula , die Subjekt mit Prädikativen Nominativ verbundet.
Genauso Verbalformen sembrare und diventare in solchen Beispielen Luca sembra soddisfatto oder Luca diventò sindaco gehören der Kategorie der Kopulative Verben , die einen prädikativen Nominativ - hier 'soddisfatto', 'sindaco' - verlangen, damit der Satz einen Sinn haben kann.

Passa col mouse sulle seguenti frasi / Setze die Maus auf die folgenden Sätze:
Io leggo
Luca la lettera
Gino vado del mercato
Nota:   Nell'uso corrente della lingua, una proposizione può essere formata anche da una sola parola. L'espressione "piove" è formata da un verbo intransitivo impersonale. È un predicato che può essere usato da solo ed ha un senso compiuto. Anche il predicato può costituire una proposizione poichè non c'è un soggetto espresso. L'espressione viene definita Proposizione Ellittica del Soggetto. Dello stesso tipo sono gli altri verbi meteorologici quali: tuona, grandina,lampeggia,nevica. Wetter Verben, wie "regnen, donnern, hageln, blitzen, schneien", können einen Satz mit nur dem Prädikat bilden.
SPOSTAMENTO DEGLI ELEMENTI DELLA FRASE - UMSTELLUNG DER SATZGLIEDER

Una particolare proprietà della frase è la possibilità di cambiare posto ai suoi elementi cambiando il significato della frase stessa. Questa possibilità risponde anche ai nostri bisogni di dare una diversa intonazione a singoli elementi della frase.

Eine besondere eigenschaft des Satzes ist die Möglichkeit die Satzglieder zu umstellen, um den Sinn des Satzes zu verändern. Diese Möglichkeit entspricht unseren Kommunikationbedürfnissen um eine besondere Betonung auf einige Satzglieder widerfahren zu lassen.

Paolo arriva domaniIl parlante esprime il suo pensiero in una frase la cui sequenza è costituita da Soggetto (Paolo), Predicato verbale (arriva), Complemento avverbiale di tempo (domani). Der Sprecher drückt einen richtigen Satz aus, dessen Reihenfolge aus Subject (Paolo), Prädikat (arriva) und adverbialen Zeitergänzung besteht.
Arriva domani Paolo? Il parlante fa una semplice domanda o accentua il tono della voce su una parola per esprimere dubbio o sorpresa.
Der Sprecher hebt die Stimme auf eigene Worte um Zweifel oder Ueberraschung auszudrücken.
arriva domani Paolo? (der Zweifel fällt auf arriva)
arriva domani Paolo? (der Zweifel fällt auf domani)
Domani arriva Paolo Il parlante ha mutato la sequenza dando più rilievo al tempo in cui il Soggetto fa l\'azione.
Der Sprecher hat die Reihenfolge geändert beim heben die Zeitsinn hervor. (Domani arriva Paolo=Morgen kommt Paolo an)
ESPANSIONE DELLA FRASE - ERWEITERUNG DES SATZES


La struttura di base di una frase contiene il SOGGETTO e il PREDICATO:
Franco (SOGGETTO) lavora (PREDICATO)

Proviamo ad espandere la frase:

Il signor Franco (GRUPPO DEL SOGGETTO) lavora al ristorante (GRUPPO DEL PREDICATO)

Volendo precisare in quale ristorante Franco lavora, possiamo espandere il gruppo del predicato:

Il signor Franco (GRUPPO DEL SOGGETTO) lavora al ristorante della stazione centrale (GRUPPO DEL PREDICATO)

Possiamo anche espandere il gruppo del soggetto aggiungendo una ulteriore informazione:

Il signor Franco, che abita al secondo piano, lavora al ristorante della stazione centrale




La frase   Io leggo   può espandersi nella seguente: Io leggo il giornale e, ancora oltre,
Io leggo il giornale ogni mattina.
Nell'analisi logica le espansioni costituiscono i complementi che si distinguono in base alla domanda a cui rispondono.
Analisi logica:

Io (Soggetto)
leggo (predicato verbale)
il giornale ( che cosa? ---> complemento oggetto)
ogni mattina ( quando? ---> complemento di tempo).


Der Satz   Io leggo   kann erweitert werden: Io leggo il giornale (Ich lese die Zeitung). Wir können ihn noch weiter machen: Io leggo il giornale ogni mattina (Ich lese die Zeitung jeden Morgen).
Jetz bestehet der Satz aus vier Satzgliedern:
Subjekt: Io,
Prädikat: Ieggo,
Akkusativobjekt: il giornale
Zeitergänzung: ogni mattina

Parti costitutive della frase - Bestandteile des Satzes :
Cliccare sui seguenti elementi / auf die folgenden Satzglieder clicken
Soggetto - Subjekt Predicato - Prädikat Complementi - Ergänzungen

ESEMPI DI ANALISI GRAMMATICALE

Cliccare sulle frasi /Auf die Sätze klicken.

Sto scrivendo una lettera
Lui sta dicendo cose intessanti
Io posseggo un cane
Il libro è sulla scrivania
Io regalo un libro al mio amico
Noi andiamo in campagna con l'auto
Socrate era un filosofo dell'antica Grecia
Io reputo il signor Fini capace
Gianni è aiutato da suo padre
L'albero fu colpito dal fulmine

 
Il Soggetto è ciò di cui parla il predicato. Determina le concordanze col verbo (egli parla, loro parlano), con l\'aggettivo (Maria è bella, i fiori sono profumati), col pronome (il pane lo compro io, la frutta la porti tu). Il soggetto può essere costituito da: un nome (Mario lavora, Lucia studia)
un nome astratto (la povertà non piace)
un aggettivo (il bello affascina)
un pronome (tu dormi)
un pronome indefinito (qualcuno chiama)
un verbo all'infinito (camminare fa bene)
una frase (insegnare mi piace)
un articolo (il è un articolo determinativo)
un avverbio (il dove è importante)
una congiunzione (questo se indica ipotesi)
un partitivo (è successo di tutto).
una forma impersonale (si pensa che egli sia all'estero)
può essere sottinteso (quando vieni? -tu-).

Chiudi
Il Soggetto è ciò di cui parla il predicato. Determina le concordanze col verbo (egli parla, loro parlano), con l'aggettivo (Maria è bella, i fiori sono profumati), col pronome (il pane lo compro io, la frutta la porti tu). Il soggetto può essere costituito da: un nome (Mario lavora, Lucia studia)
un nome astratto (la povertà non piace)
un aggettivo (il bello affascina)
un pronome (tu dormi)
un pronome indefinito (qualcuno chiama)
un verbo all'infinito (camminare fa bene)
una frase (insegnare lingue agli adulti mi piace)
un articolo (il è un articolo determinativo)
un avverbio (il dove è importante)
una congiunzione (questo se indica ipotesi)
un partitivo (è successo di tutto).
una forma impersonale (si pensa che egli sia all'estero)
può essere sottinteso (quando vieni? -tu-).

Chiudi
Il Predicato è ciò che viene detto del soggetto. Indica l'azione compiuta (Luca beve il vino) o subita (il vino è bevuto da Luca) dal soggetto, oppure la condizione d'essere del soggetto stesso (Luca sembra contento, Paolo si sente male).
Il predicato si distingue in:
a) Predicato Verbale se quello che dice del soggetto è sufficiente a capire il significato della frase anche se priva di complemento. Esempi:
Io studio la geografia; ( io studio, da solo, è sufficiente a capire che cosa io faccio; )
Luigi non lavora (non lavora basta di per sé a capire che cosa Luigi non fa).
b) Predicato Nominale quando il verbo non basta da solo e ha bisogno di una parte nominale che completa il significato della frase- Esempi:
Luigi è geometra (Luigi è non ha un senso compiuto senza la parola geometra)
Massimo diventò avvocato, Questo attrezzo sembra utile (le parole avvocato e utile completano il significato delle frasi.
Nell'esempio Luigi è geometra, la voce del verbo essere "è" viene detta copula perchè unisce il soggetto Luigi alla parola geometra. I verbi sembrare e diventare appartengono ai cosidetti verbi copulativi.

Chiudi
Il Predicato è ciò che viene detto del soggetto. Indica l'azione compiuta (Luca beve il vino) o subita (il vino è bevuto da Luca) dal soggetto, oppure la condizione d'essere del soggetto stesso (Luca sembra contento, Paolo si sente male).
Il predicato si distingue in:
a) Predicato Verbale se quello che dice del soggetto è sufficiente a capire il significato della frase anche se priva di complemento. Esempi:
Io studio la geografia; ( io studio, da solo, è sufficiente a capire che cosa io faccio; )
Luigi non lavora (non lavora basta di per sé a capire che cosa Luigi non fa).
b) Predicato Nominale quando il verbo non basta da solo e ha bisogno di una parte nominale che completa il significato della frase- Esempi:
Luigi è geometra (Luigi è non ha un senso compiuto senza la parola geometra)
Massimo diventò avvocato, Questo attrezzo sembra utile (le parole avvocato e utile completano il significato delle frasi.
Nell'esempio Luigi è geometra, la voce del verbo essere "è" viene detta copula perchè unisce il soggetto Luigi alla parola geometra. I verbi sembrare e diventare appartengono ai cosidetti verbi copulativi.

Chiudi
La copula è una voce di un tempo semplice del verbo essere che unisce il soggetto con la parte nominale della frase.
Esempi:
Questo libro è interessante
Analisi: Questo libro (Soggetto), è (Copula), interessante (predicato nominale)
Enrico fu puntuale
Analisi:Enrico (Soggetto), fu (Copula), puntuale (predicato nominale)

Nel significato di stare, esistere, trovarsi, appartenere, il verbo essere non è più copula e svolge la funzione di predicato verbale.
Esempio: Il libro è (=si trova) sul tavolo
Le espressioni costruite con l'avverbio di luogo " ci ", quali c'è, ci sono, c'era, c'erano, ecc. hanno la funzione di predicati verbali. Esempio: Ci sono dei ragazzi nel prato
Quando il verbo essere ha la funzione di ausiliare sono stato, è stato, ero stato, sarebbe stato, ecc. assume la funzione di predicato verbale.Egli è stato ammalato
Analisi: Egli (soggetto) è stato (predicato verbale) ammalato (complemento predicativo del soggetto).

Chiudi
La copula è una voce di un tempo semplice del verbo essere che unisce il soggetto con la parte nominale della frase.
Esempi:
Questo libro è interessante
Analisi: Questo libro (Soggetto), è (Copula), interessante (predicato nominale)
Enrico fu puntuale
Analisi:Enrico (Soggetto), fu (Copula), puntuale (predicato nominale)

Nel significato di stare, esistere, trovarsi, appartenere, il verbo essere non è più copula e svolge la funzione di predicato verbale.
Esempio: Il libro è (=si trova) sul tavolo
Le espressioni costruite con l'avverbio di luogo " ci ", quali c'è, ci sono, c'era, c'erano, ecc. hanno la funzione di predicati verbali. Esempio: Ci sono dei ragazzi nel prato
Quando il verbo essere ha la funzione di ausiliare sono stato, è stato, ero stato, sarebbe stato, ecc. assume la funzione di predicato verbale.Egli è stato ammalato
Analisi: Egli (soggetto) è stato (predicato verbale) ammalato (complemento predicativo del soggetto).

Chiudi
I Verbi Copulativi sono verbi che svolgono la funzione di copula perchè da soli non esprimono un senso compiuto.
Si distinguono in:
a) Verbi elettivi e appellativi essere nominato, soprannominato, eletto, incoronato, detto, dichiarato, chiamato, scelto, creato. Esempi:
Giovanni fu eletto sindaco
Luca è stato nominato consigliere

b) Verbi estimativi considerare, stimare, giudicare, ritenere, credere Esempi:
Egli è considerato persona intelligente, io fui ritenuto responsabile
c) Verbi effettivi sembrare, apparire, divenire, diventare, rivelarsi, riuscire, ecc. Esempi:
Egli si rivelò coraggioso, io divento nervoso, Lucia sembra calma Osserva:
Corrado è nominato all'unanimità [= complemento di modo]
Corrado è nominato assessore [= complemento predicativo del soggetto]
I verbi copulativi nella forma passiva (è nominato, fu scelto, sarà eletto, è diventato, ecc.) reggono il complemento predicativo del soggetto
Frase attiva:
I consiglieri elessero Enrico presidente [= complemento predicativo dell'oggetto]

Chiudi
I Verbi Copulativi sono verbi che svolgono la funzione di copula perchè da soli non esprimono un senso compiuto.
Si distinguono in:
a) Verbi elettivi e appellativi essere nominato, soprannominato, eletto, incoronato, detto, dichiarato, chiamato, scelto, creato. Esempi:
Giovanni fu eletto sindaco
Luca è stato nominato consigliere

b) Verbi estimativi considerare, stimare, giudicare, ritenere, credere Esempi:
Egli è considerato persona intelligente, io fui ritenuto responsabile
c) Verbi effettivi sembrare, apparire, divenire, diventare, rivelarsi, riuscire, ecc. Esempi:
Egli si rivelò coraggioso, io divento nervoso, Lucia sembra calma Osserva:
Corrado è nominato all'unanimità [= complemento di modo]
Corrado è nominato assessore [= complemento predicativo del soggetto]
I verbi copulativi nella forma passiva (è nominato, fu scelto, sarà eletto, è diventato, ecc.) reggono il complemento predicativo del soggetto
Frase attiva:
I consiglieri elessero Enrico presidente [= complemento predicativo dell'oggetto]

Chiudi
Soggetto - Subjekt
Predicato Nominale - Prädikativer Nominativ
Complemento Predicativo del Soggetto
Prädikativer Nominativ
Complemento Predicativo dell'oggetto
Prädikativer Akkusativ
Predicato Verbale
Prädikat
Copula
Complemento Oggetto
Akkusativergänzung
Complemento di Termine
Dativergänzung
Complemento di Moto a Luogo
Richtungsergänzung
Complemento di Moto da Luogo
Richtungsergänzung
Complemento di Moto per Luogo
Richtungsergänzung
Complemento di Stato in Luogo
Raumergänzung (lokale)
Complemento di Modo - Artergänzung
Complemento di Mezzo
Präpositionalergänzung
Complemento di Compagnia
Präpositionalergänzung
Complemento di Specificazione
Genitivobjekt
Complemento d'agente
Präpositionalergänzung
Complemento di Causa efficiente
Präpositionalergänzung
Complemento di Tempo
Zeitergänzung
Complemento di Argomento
Präpositionalergänzung
Soggetto sottinteso
implizites Subjekt
Complemento di Unione
Präpositionalergänzung
Complemento di Denominazione
Präpositionalergänzung



Preposizioni e Complementi   Präpositionen und Ergänzungen

In der Regel sind die Präpositionen mit einem Substantiv oder Pronomen verbunden:
andare in piazza, passeggiare col cane, il padre di Luca, sapere a memoria,
camminare sul prato, dormire nel divano, usw.


Klicke auf die Präpositionen um ihre Ergänzungen zu sehen.


di    
a    
da    
in    
con    
su    
per    
tra-fra    
 

I PRONOMI PERSONALI NEI COMPLEMENTI

mi, ti, ci, vi
Compl. oggettoCompl. indiretto
egli mi ama (=ama me) er liebt mich
io ti chiamo (=chiamo te) ich rufe dich an
lui ci aiuta (=aiuta noi) er hilft uns
io vi ascolto (=ascolto voi) ich höre euch an
er spricht mit mir
io ti scrivo (=scrivo a te) ich schreibe dir
lui ci dà (=dà a noi) er gibt uns
io vi mostro (=mostro a voi) ich zeige euch
Nota:
Ci = complemento oggetto (Akk. Objekt) - Noi ci salutiamo (=io saluto te , tu saluti me)
Ci = complemento di termine (Dat. Objekt) - Noi ci parliamo (=io parlo a te , tu parli a me)
mi, ti, ci, vi + lo, la, li, le, ne
mi+lo = me lo
mi+la = me la
mi+li = me li
mi+le = me le
mi+ne = me ne
il libro era mio e me lo diede das Buch war mein und er gab es mir
è una bella collana; me la regali? das ist eine schöne Kette; willst du sie mir schenken?
buoni questi biscotti; me li vendi? Gute Kekse! verkaufst du sie mir?
me le mostri le tue scarpe nuove? zeigst du mir deine schönen neue Schuhe?
il lume è rotto e me ne accorgo ora die Lampe ist kaput und das bemerke ich jetzt.
ti+lo = te lo
ti+la = te la
ti+li = te li
ti+le = te le
ti+ne = te ne
se ti piace, prenditelo wenn es dir gefällt, nimm es
questa è per te e te la porti a casa das ist für dich, nimm es nach Hause
ecco i vasi: se li vuoi, te li compro die sind die Töpfe: wenn du willst, kaufe ich für dich
camicie come queste non te le compreresti solche Hemden würdest du nicht kaufen
te ne ho già dati parecchi ich habe dir ziemlich viele gegeben
ci+lo = ce lo
ci+la = ce la
ci+li = ce li
ci+le = ce le
ci+ne = ce ne
è un bel cane, ce lo lasci? er ist ein schöner Hund, willst du ihn uns lassen?
ce la presti la tua auto? willst du dein Auto uns ausleihen?
ce li vuoi presentare i tuoi amici? willst du deine Freunde uns vorstellen?
chiedemmo di vedere le foto e ce le mostrò wir baten die Fotos zu sehen und er zeigte sie uns
ce n' erano rimaste poche di mele es gab nur wenige Äpfel, die geblieben waren
vi+lo = ve lo
vi+la = ve la
vi+li = ve li
vi+le = ve le
vi+ne = ve ne
ve l'ho già detto ich habe euch schon gesagt
l'auto è pronta; ve la potete portare via das Auto ist fertig; sie können es weg nehmen
questi sono i vostri libri; prendeteveli das sind euere Bücher; nehmt sie mit
le sedie sono sporche; pulitele die Stühle sind schmützig; macht ihr sie sauber
se ve ne dò dieci, vi bastano? wenn ich euch zehn gebe, sind sie genug?
ci, vi, ne usati come avverbi di luogo. Esempi:
La campagna è bella; ci (= là - moto a luogo) vado spesso
Andai in campagna e decisi di rimanervi. (= là - stato in luogo)
Sono stato in banca e ne (=da lì - moto da luogo) vengo ora
Me ne (=vado via da quì - moto da luogo) vado.
Quando fui sotto l'albero, ne (=da esso - derivazione) strappai una foglia.

Pronomi personali complemento di terza persona

Forme di dativo maschile e femminile singolare

gli - le

io gli dico (= io dico a lui) ich sage ihm
Incontrai Luca e gli diedi la borsa
io le scrivo (= io scrivo a lei) ich schreibe ihr
Vidi Lucia e le mostrai le foto
Forme di dativo maschile o femminile plurale

loro

io dico loro / io gli* dico (= io dico a loro) ich sage ihnen
Incontrai Luca e Lucia e dissi loro / (gli* dissi) che avevo piacere di rivederli

* usato nella lingua parlata
Costruzione della frase italiana
SoggettoPredicatoaccusativodativo
Ioscrivouna lettera (la)a mio fratello (gli)
Costruzione con i Pronomi
SoggettodativoaccusativoPredicato
Iogli+elascrivo
Der deutsche Satzbauplan
SubjektPrädikatDativobjektAkkusativobjekt
Ichschreibemeinem Brudereinen Brief
Satzbauplan mit Personalpronomen
SubjektPrädikatAkkusativobjektDativobjekt
Ichschreibeihnihm