La Proposizione Subordinata




Sintassi del Periodo

La proposizione subordinata, è una frase che non ha un senso compiuto e dipende sempre da una proposizione principale. Nel periodo può seguire o precedere la proposizione reggente alla quale viene unita in vari modi:
1. tramite congiunzioni subordinative quali affinchè, perchè, poichè, mentre, fuorché, giacché, siccome, sebbene, ecc.:

Luca non viene

Proposizione principale

perchè sta male

Proposizione subordinata causale
La congiunzione causale perchè introduce la subordinata e la mette in rapporto di dipendenza con la proposizione principale reggente.

2. unendo la proposizione subordinata alla principale tramite le locuzioni congiuntive, quali in quanto, dato che, dal momento che, tanto....che, nonostante che, nel caso che, dopo che, eccetto che, ecc.

Devo decidere

Proposizione principale

prima che sia troppo tardi

Proposizione subordinata temporale
La locuzione temporale prima che seguita da verbo di modo finito introduce la subordinata e la mette in rapporto di dipendenza con la proposizione principale reggente.

3. tramite le preposizioni di, a, da, per, prima, dopo, ... seguite dal verbo all'infinito:

Vado al mercato

Proposizione principale

per comprare del pesce

Proposizione subordinata finale
La preposizione per introduce la subordinata e la mette in rapporto di dipendenza con la proposizione principale reggente.

4. col pronome relativo che, il quale, la quale, i quali, ...:

Ho letto il libro

Proposizione principale

che mi hai regalato

Proposizione subordinata relativa
Il pronome relativo che introduce la subordinata che viene retta dalla proposizione principale.

In base agli esempi sopra citati, possiamo concludere che la proposizione subordinata, sul piano sintattico, non può stare da sola e ha sempre bisogno di una proposizione principale che la regge. Una subordinata presuppone sempre una reggente.

  Coordinazione e Subordinazione delle Proposizioni Secondarie   

Una proposizione principale püò avere diverse proposizioni secondarie o subordinate ad essa che possono essere, per così dire, coordinate sullo stesso piano (esempio 1) oppure svilupparsi in diversi gradi di reggenza (esempio 2).
Esempio 1:

Paolo dice
che deve studiare   e   ha bisogno di concentrazione
Il periodo mostra una principale (Paolo dice) e due subordinate coordinate dalla congiunzione e. (che deve studiare, ha bisogno di concentrazione)

Esempio 2:

Gli chiesi

di dirmi

dove era andato
Il periodo mostra una proposizione principale (Gli chiesi), una subordinata di I grado (di dirmi) e una subordinata di II grado (dov'era andato) . La seconda subordinata dipende non dalla principale ma dalla subordinata di I grado.

  Subordinate Esplicite e Implicite   

Le subordinate espresse col verbo di modo finito [ indicativo, congiuntivo, condizionale ] vengono definite Subordinate esplicite.
Esempi:

Confermò che l'aveva fatto
Proposizione principale e subordinata esplicita con l'indicativo
Dubito che sia vero
Proposizione principale e subordinata esplicita col congiuntivo
Credo che egli verrebbe
Proposizione principale e subordinata esplicita col condizionale

Le subordinate espresse col verbo di modo indefinito [ infinito, gerundio, participio ] vengono definite Subordinate implicite.
Esempi:

Confermò di averlo fatto
Proposizione principale e subordinata implicita con l'infinito
Essendo vero, non ho motivo di dubitare
Proposizione subordinata implicita al gerundio con valore causale e proposizione principale
Venuto a casa, si dedicò allo studio
Il periodo si presta a una doppia interpretazione. Se si intende come venne a casa e si dedicò allo studio allora siamo di fronte a due proposizioni principali coordinate. Se invece si interpreta come Si dedicò allo studio dopo essere venuto a casa allora si configura un rapporto temporale fra le due frasi. Di conseguenza avremo una proposizione temporale implicita costruita col participio passato e retta dalla proposizione principale.

Analogie tra Analisi Logica della frase semplice e Analisi del Periodo

Si riscontrano analogie nella funzione che elementi della frase semplice ( l'attributo, il soggetto, l'apposizione e vari complementi ) evidenziano nella analisi logica e nella analisi del periodo. Nell'ambito del periodo distinguiamo:

 Proposizioni subordinate attributive
che svolgono nel periodo le stesse funzioni dell'attributo e della apposizione e danno luogo a proposizioni subordinate relative. Esempi:




 Proposizioni subordinate sostantive
che svolgono nel periodo le stesse funzioni del soggetto e e del complemento oggetto e danno luogo a proposizioni subordinate soggettive, oggettive, dichiarative e interrogative indirette. Esempi:








 Proposizioni subordinate equivalenti ad altri complementi





Nota: